Corso Italia Libera n° 9, cap 62010, Treia (MC), Italy

Treia Macerata

TREIA (MC) ITALY

Treia è un piccolo centro abitato situato nell’entroterra maceratese, sulla sella di Arcuaria sulla sinistra della valle del Potenza. L’etimologia del nome deriva dalla dea Trea-Jana, divinità di origine greco-sicula, che qui era venerata.
Ciò che lo caratterizza come uno dei 19 borghi più belli della Regione e d’Italia sono le mura duecentesche, le torri longobarde, i palazzi rinascimentali e neoclassici, un dedalo di suggestivi vicoli che sfocia nella magnifica Piazza della Repubblica: un ferro di cavallo delimitato dall’area balaustra in marmo con il monumento al Papa Pio VI.
Un panorama mozzafiato le cui quinte sono la neoclassica palazzina del Valadier sede dell’Accademia Georgica, il palazzo comunale, la Chiesa di S. Filippo.
La specialità di Treia è il “calcione”, che vanta il marchio DOP, un dolce tipicamente pasquale con ripieno di formaggio. Treia fu la patria di Carlo Didimi, il più grande giocatore di pallone al bracciale, a tale gioco s’ispira la rievocazione storica ottocentesca che, ogni anno in Agosto,  mette in gara con la Disfida del Bracciale i quartieri cittadini: i nobili (Cassero), i borghesi (Vallesacco), i contadini (Borgo) e gli zingari (Onglavina).

Così benedetta da Dio di bellezza di varietà di ubertà, tra questo digradare di monti che difendono, tra questo distendersi di mari che abbracciano, tra questo sorgere di colli che salutano, tra questa apertura di valli che arridono.
– Giosuè Carducci